IN EVIDENZA

IN EVIDENZA

 


La Regolarità Contributiva


DURC

DURC On Line

 

PRIMO PIANO

Età pensionabile tersicorei e balleriniEtà pensionabile tersicorei e ballerini


“per i due anni successivi alla data di entrata in vigore della presente disposizione, ai lavoratori di cui al presente comma assunti a tempo indeterminato, che hanno raggiunto o superato l’età pensionabile, è data facoltà di esercitare opzione, rinnovabile annualmente, per restare in servizio. Tale opzione deve essere esercitata attraverso formale istanza da presentare all’ENPALS entro due mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione o almeno tre mesi prima del perfezionamento del diritto alla pensione, fermo restando il limite massimo di pensionamento di vecchiaia di anni quarantasette per le donne e di anni cinquantadue per gli uomini”.

Assodeejay: lavoro accessorio nello spettacoloAssodeejay: lavoro accessorio nello spettacolo


Pubblichiamo con piacere l'articolo inviatoci da Assodeejay sul lavoro accessorio, pagato con i buoni vaucher, nel settore dello spettacolo.
Effettivamente il problema si pone in termini generali, anche se però per la ns. realtà non è possibile usufruirne in quanto i soci di cooperativa, a meno che non svolgano prestazioni direttamente nella sede legale  o operativa di quest'ultima (es. pulizie, fotocopie, etc.), svolgono le loro prestazioni in location diverse.

Nuove istruzioni operative Inps dal 01/01/2015Nuove istruzioni operative Inps dal 01/01/2015

A seguito della pubblicazione della Circolare n. 154 del 03 dicembre 2014, seguita dalla Circolare n. 11 del 23 gennaio 2015, dal Messaggio n. 865 del 04 febbraio 2015, dalla Circolare n. 28 del 10 febbraio 2015, dal Messaggio n. 1095 del 12 febbraio 2015, dalla Risoluzione dell'Agezia delle Entrate n. 34-E del 26 marzo 2015,  dal Messaggio n. 3575 del 27 maggio 2015, dal Messaggio n. 6603 del 28 ottobre 2015, dalla Circolare Inps n. 11 del 27 gennaio 2016, dal Messaggio n. 1712 del 19 aprile 2016 e dal Messaggio n. 2259 del 20 maggio 2016, le nuove modalità di richiesta del certificato di agibilità e presentazione delle dichiarazioni contributive mensili afferenti ai soggetti iscritti al fondo pensioni lavoratori dello spettacolo e al fondo pensioni sportivi professionisti gestione ex Enpals, si perfezionano.

Esenzione Enpals - Chiarimento Inps del 05/08/2014Esenzione Enpals - Chiarimento Inps del 05/08/2014

Si riscontra l’istanza di cui all’oggetto, nella quale codesta Società ha richiesto chiarimenti in merito a:
1) quali lavoratori sono obbligati al possesso del certificato di agibilità con relativo obbligo di versamento della contribuzione previdenziale dovuta
2) quali lavoratori sono, invece, esentati dagli adempimenti informativi e contributivi previsti dal D.Lgs.C.P.S. n. 708/1947, ai sensi dell’art. 1, comma 188, della L. n. 296/2006.

A tal fine, si fa presente quanto segue.

Contrasto al lavoro neroContrasto al lavoro nero

Maggiorazione delle sanzioni amministrative concernenti l'occupazione di lavoratori "in nero".
In data 4 marzo 2014 è stata pubblicata la Circolare n. 5/2014 avente ad oggetto le misure di contrasto al lavoro nero sommerso ed irregolare – maxisanzione, revoca del provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale e sanzioni per la violazione della disciplina in materia di durata media dell'orario di lavoro e di riposi giornalieri e settimanali, ai sensi dell'art. 14, D.L. n. 145/2113 (conv. da L. n. 9/2014).

Querela ad un socio della cooperativa per falso idelogicoQuerela ad un socio della cooperativa per falso idelogico

"Ho voluto dare ampia pubblicità alla mia querela per falso idelogico ai danni della Cooperativa C.A.S.M., del rappresentante legale della stessa DI GIOIA Lorenzo e di tutti gli associati.
La stessa è stata formalizzata oltre che per tutelare la società con i propri organi amministrativi, soprattutto per ribadire ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, che tutto viene fatto nel massimo rispetto delle leggi civili, penali e tributarie. Non interessano le pene che eventualmente il tribunale penale infliggerà al nostro socio che ha agito in modo scorretto nei confronti di tutti.
La nostra realtà deve restare solida e non puo' essere messa in discussione per una cosa del genere. Spero, anzi ne sono convinto, che questa mia azione possa solo cementare ancora di più il rapporto di fiducia che lega da decenni i singoli soci alla Società Cooperativa C.A.S.M.".

Leggi copia della querela

Pubblici dipendenti e Spettacolo
Pubblici dipendenti e Spettacolo

L’informativa riguarda i lavoratori a cui non è stata mai data una informazione dettagliata sulle possibilità di svolgere l’attività di musicista o artista nel settore dello spettacolo. Infatti l’art. 60 del D.P.R. 3/47 stabilisce sì il divieto affermando l’esclusività della prestazione di lavoro dei pubblici dipendenti, ma l’art. 1 comma 60 della legge 662/96 stabilisce che ciascuna amministrazione possa verificare di volta in volta se ricorrono gli estremi di detta incompatibilità.
Si è quindi stabilita la regola che l’interessato deve presentare domanda alla propria Amministrazione, specificando nel dettaglio l’attività che si intende svolgere, e quest’ultima ha il dovere di rispondere, in genere in un termine di 30 o 60 gg., motivandone l’eventuale diniego.

Raccolta firme fondi pensione lavoratori dello spettacoloRaccolta firme fondi pensione lavoratori dello spettacolo

Ufficiale la raccolta firme per chiarire l'ipotetico prestito all'Inpdap, dell'attivo di cassa dell'ex-Enpals, oggi in Inps a seguito della sua soppressione.
Promotori dell'iniziativa l'Associazione Nazionale dei Deejay - Assodeejay, al suo fianco anche noi della Cooperativa C.A.S.M.
Auspichiamo una forte adesione da parte dei singoli lavoratori, delle lavoratrici e di tutte le altre associazioni ed imprese cooperative del settore.


ALTRE NOTIZIE

Circolare Inps n. 83 del 20 maggio 2016Circolare Inps n. 83 del 20 maggio 2016

Requisiti di accesso e modalità di calcolo delle prestazioni previdenziali erogate in favore delle categorie di lavoratori iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo. Riepilogo e chiarimenti.

La presente circolare, condivisa nel suo impianto generale dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, fornisce un riepilogo organico in ordine ai requisiti di accesso ed alle modalità di calcolo dei trattamenti pensionistici erogati in favore delle categorie di lavoratori iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo (FPLS).
Per effetto delle disposizioni di cui all’articolo 21 della legge del 22 dicembre 2011, n. 214, di conversione del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, l’Ente Nazionale di Assistenza e di Previdenza per i Lavoratori dello Spettacolo (E.N.P.A.L.S.) è stato soppresso ed è confluito nell’I.N.P.S. tra le forme previdenziali sostitutive dell’assicurazione generale obbligatoria.

Parte 1
1. I lavoratori iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo (FPLS).
I lavoratori dello spettacolo sono iscritti alla gestione ex ENPALS in ragione dell’elencazione di cui all’articolo 3 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato del 16 luglio 1947, n. 708, come modificato dalla legge 29 novembre 1952, n. 2388 e successive modificazioni.
Gli interventi normativi succedutisi nel tempo, in particolare, i decreti di armonizzazione n. 166 e n. 182 del 30 aprile 1997, i decreti ministeriali del 10 novembre 1997 e del 15 marzo 2005, il decreto legge del 30 aprile 2010, n. 64 convertito con legge 29 giugno 2010, n. 100 in favore dei ballerini e tersicorei, nonché, da ultimo, il D.P.R. 28 ottobre 2013, n. 157, hanno ampliato la platea delle categorie dei lavoratori dello spettacolo ed hanno modificato la disciplina relativa ai requisiti di accesso ed alle modalità di calcolo delle prestazioni pensionistiche erogate dal fondo (allegato 1).

1.1 L’evoluzione della disciplina nel tempo.
L'anzianità contributiva dei lavoratori dello spettacolo è espressa in giornate, considerando l'anno lavorativo convenzionale di 312 giorni, cui corrispondono 12 mesi di 26 giorni ciascuno.

1.1.1 Disciplina vigente anteriormente al decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 182.
I lavoratori dello spettacolo con l’obbligo del versamento contributivo all’ex gestione E.N.P.A.L.S. erano convenzionalmente suddivisi in 2 Gruppi (D.L.C.P.S. n. 708/1947), a prescindere dal fatto che l’attività svolta fosse strettamente subordinata od autonoma:
- al 1° Gruppo apparteneva il personale artistico e tecnico, con rapporto di lavoro saltuario o a
tempo determinato;
- nel 2° Gruppo erano inseriti i lavoratori dell’impresa con qualifica operaia o impiegatizia, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Circolare n. 76 del 09 maggio 2016

Ricognizione delle istruzioni operative in materia di attività di vigilanza e di procedimento ispettivo.
La presente circolare, anche in prospettiva della piena operatività dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, riepiloga, ai fini della loro armonizzazione, ed aggiorna le istruzioni operative sull’attività di vigilanza e sul procedimento ispettivo, al fine di garantire uniformità di comportamento e trasparenza, sia all’interno che all’esterno dell’Istituto, a tutela dei lavoratori, della leale concorrenza tra imprese e del mercato.

Circolare n. 68 del 28 aprile 2016

Come noto, le imposte versate con il modello F24 possono essere oggetto di compensazione con i crediti del contribuente, ai sensi della legge n. 241 del 1997. Il contribuente può utilizzare gli importi a credito tramite il modello F24 per il pagamento del debito relativo a diversa imposta, o a ritenute, o a contributi, o per ridurre gli importi a debito relativi alla medesima imposta. Tuttavia occorre evidenziare che gli importi portati in compensazione non possono essere utilizzati per creare disponibilità di somme sul conto del lavoro accessorio. Le
somme che confluiscono su tale conto, infatti, alimentano un conto virtuale necessario per retribuire le prestazioni di lavoro accessorio attraverso i buoni lavoro, diversamente dai versamenti che vengono utilizzati per il pagamento di imposte.

Per tale ragione, a decorrere dal 2 maggio 2016 non sarà più possibile acquistare voucher telematici mediante F24 con la causale LACC – Lavoro occasionale accessorio.

Da tale data, infatti, sarà possibile utilizzare la suddetta causale LACC nel modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, come previsto dalla risoluzione n°20/E del 6 aprile 2016 dell’Agenzia delle Entrate che si allega.

Messaggio n. 1712 del 19 aprile 2016

Si comunica che, a far data dal 03/05/2016, sarà disponibile in produzione un nuovo aggiornamento della procedura telematica di richiesta Certificati di agibilità per le Imprese del settore Spettacolo. La procedura è raggiungibile sul sito internet istituzionale INPS in “Servizi per aziende e i consulenti”, selezionando nella voce di menu “Servizi Settore Sport e Spettacolo” la voce di sotto menu “Richiesta Agibilità”.

Nella procedura è ora disponibile:
- il calendario per la gestione dei periodi riferiti ad un'occupazione;
- la visualizzazione ad albero delle agibilità per la consultazione da parte dell'utente;
- la funzionalità di export in formato excel dei risultati di ricerca delle agibilità;
- un nuovo campo per dare la possibilità all’utente di inserire per l’occupazione svolta la
- retribuzione mensile in alternativa a quella giornaliera;
- funzionalità di stampa dei certificati più evolute.

Messaggio n. 1593 del 11 aprile 2016

Ai fini della compilazione del flusso UniEmens, le aziende del settore dello sport professionistico interessate alla fruizione degli sgravi contributivi ex legge n. 388/2000 (art. 145, comma 13 - “L2”, “L3”, “L4”, “L5”, “L6” e “L7”), dovranno valorizzare il codice causale di nuova istituzione “L701”, avente il significato di “Recupero sgravi contributivi ex legge n. 388/2000, art. 145, comma 13 – calciatore Lega Pro di età compresa fra 14 e 19 anni” – all’interno dell’elemento di / e nell’elemento l’importo da conguagliare. Si ricorda che la misura del predetto importo deve ovviamente essere in linea con le previsioni di legge e il significato ascritto ad ognuno dei sopra citati
.
Si fa presente che le suddette modalità di compilazione del flusso UniEmens dovranno essere adottate a partire dai flussi inoltrati dall’1/1/2016.

Spettacolo e lavoro contemporaneo in Europa

Con il messaggio Inps n. 706 del 16 febbraio 2016, si chiarisce ulteriormente la regolamentazione comunitaria sul rilascio del certificato di legislazione applicabile (A1) ai lavoratori iscritti alla gestione lavoratori dello spettacolo e sport (ex Enpals) attreverso la procedura "Archivio Distacchi e Lavoro Contemporaneo nell'Unione Europea".

Fonte: TeleConsul Editore S.p.A.


Pagina: 1 2 3 4 5